Crea sito

L’italia come l’Argentina: in rovina

Nonostante quanto appena scritto su di me, mi rimane il tempo di leggere qua e là e rimanere colpito da alcune parole.
In particolare, da chi scrive qualcosa che pensavo da tempo e che non avevo ancora trovato il tempo di esprimere chiaramente.

L’Italia come l’Argentina entro tre anni, l’Euro è stata una fantastica possibilità sprecata, più soldi ai ricchi e meno ai poveri, siamo una bolla speculativa che sta per esplodere.

Frasi messe lì a caso? Su Ciccsoft si riportano le parole di qualcuno che le mette in fila per bene.

Da rabbrividire, tanto che è vero.

2 Risposte a “L’italia come l’Argentina: in rovina”

  1. Vero, e noi cittadini che come sempre stiamo scontando gli errori di e anni e anni di governo alla cavolo(e non parlo degli ultimi 5 ma di molti di piu perchè la colpa è di tutti), tra leggi antidroga proposte da drogati(Servizio delle iene) e idee di aumento di stipendio (neanche comunicato ai tg)ci troviamo allo sbando.Bon sarebbe ora di mandare a casa tutti i parlamentari e bocciare questa skifosa legge elettorale che non ci permette di decidere chi eleggere! Anche se ormai decidere chi mnadare in parlamento serve a poco………….

  2. Sono contento di essere stato governato dalla sinistra, si avete letto bene, SONO CONTENTO; di vedere persone che non riescono ad arrivare a fine mese, persone indebitate, nervose , persone tristi e senza speranza, sono contento.
    Gli Italiani hanno dimostrato di non potersi meritare nulla, siamo in una societa’ dove io frego te e tu freghi me, ci si da del CIAO a persone che nemmeno conosci, ella fine ecco il risutato ARGENTINA.
    Siamo ad un punto di non ritorno, dove i sistemi economici e sociali sono in un equilibrio troppo fragile. Non credo che via ricetta politicoeconomica che possa risolvere la situazione, almeno con le leggi che abbiamo questo non e’ possibile, quindi smettete di sognare signori, e cominciate a meditare se ne valga la pena rimnere in Italia , un saluto Da Davide (Australia)

I commenti sono chiusi.