Crea sito

Aiuto per il Mac

FileVault logo

Oggi si fa un esperimento. So che molti dei lettori di questo blog usano un Mac, vediamo, quindi, se qualcuno sa risolvere il mio problema ed arrivare là dove anche Google ha fallito.

Il problema riguarda l’uso di immagini disco (di tipo sparse e cifrate, ma questo è ininfluente). Mi chiedo, senza trovare risposta, come montare un’immagine in una posizione precisa all’interno di una cartella, invece di vederla come un disco normale accanto agli altri volumi attivi (Macintosh HD, etc.).
So che è possibile, perché è esattamente quello che fa automaticamente MacOS con la mia cartella personale, dato che uso FileVault. Inoltre, attraverso Utilità Disco.app, vedo che tra le informazioni associate all’immagine disco c’è anche il punto nel quale eseguire il mount, ma non riesco a modificarlo.

Prima di proseguire col post, cerco di tradurre un po’ delle cose che ho scritto. Una immagine disco è un file .dmg, tipo quelli che si scaricano da internet e che contengono le applicazioni che vogliamo installare. Assomigliano ai .iso che conoscono gli utenti Windows, ma MacOS ha la (meravigliosa) caratteristica di saperli gestire come se fossero dei normali dischi esterni, delle chiavette USB: doppio click, e appaiono tra le risorse disponibili, esattamente come un normale disco esterno o una partizione.
Una immagine disco sparse ha la caratteristica di occupare soltanto lo spazio necessario: se imposto una immagine con la capienza di 10 GB, ma la riempio con un solo GB, tale immagine occuperà solo 1 GB di spazio; ciò non avviene con immagini tradizionali o con partizioni, che occupano da subito tutto lo spazio che hanno a disposizione.
Una immagine disco cifrata conserva i suoi dati al riparo da sguardi indiscreti. Non è possibile accedere ai suoi contenuti senza conoscere la password, in alcun modo.
Montare una immagine in un punto preciso del File System significa vedere il contenuto di quella immagine disco come se fosse una normale cartella, insieme a tutte le altre.
FileVault è una tecnologia inclusa in Mac OS che fa esattamente questo, in modo del tutto trasparente per l’utente. Memorizza tutto il contenuto della propria cartella di inizio (documenti, immagini, video, desktop, libreria, etc.) dentro una immagine sparse cifrata e, al momento del login, monta tale immagine al posto della cartella di inizio dell’utente, che non sie ne accorge neppure.

Per chi è così paziente o curioso da avere ancora voglia di leggere, la parte seguente dell’articolo spiega perché ho questa necessità.

Da diverso tempo sono diventato leggermente paranoico ed attento a problemi quali la privacy. Gli eventi degli ultimi tempi e lo scandalo Telecom mostrano che ho ragione, ma questo è un altro discorso.
Così, da quando uso MacOS, ho scoperto FileVault e ne sono un felicissimo utilizzatore.
L’unico problema che ho è la difficoltà ad eseguire backup con regolarità. La propria cartella di inizio, infatti, assume radidamente dimensioni spropositate e, con essa, anche l’immagine disco che la contiene. Questo significa che non è possibile alcun tipo di backup incrementale e occorre ogni volta copiare un unico, enorme file. Volendolo fare ogni giorno, diventa pressoché impossibile e sono costretto a copiare i singoli file che temo di perdere, quelli sui quali sto lavorando.
Già oggi, cerco di tenere i file più grossi che ho fuori dalla zona protetta con FileValut, sempre che possa accettare di conservarli non cifrati.

Ho pensato, però, ad un modo risolvere questa situazione. Vorrei conservare all’interno della zona protetta da FileVault solo i documenti sui quali sto lavorando in quel momento, in modo da occupare poco spazio. Potrei fare, con semplicità, un backup giornaliero di quei dati.
Tutto il resto dei documenti potrebbero risiedere in un’altra immagine disco cifrata, della quale sarebbe necessario fare il backup soltanto saltuariamente, ogni volta che vi ci trasferisco dei documenti.
Non sono però disposto ad una tale complicazione (anche perché assumerebbe rapidamente derive preoccupanti, già penso ad una immagine diversa per ogni tipo di file che conservo: immagini, musica, etc.) se non ho l’opportunità di gestire tutto tramite cartelle, ovvero di montare le mie immagini dove voglio all’interno del mio File System.
[tags]mac, macos, filevault, sparse, imagine, immagine, mount[/tags]

10 Risposte a “Aiuto per il Mac”

  1. Allucinante! E’ veramente una follia da fare quella che dici! Ma a chi cavolo dovrebbe importare di rubarti i file se non li tieni sotto file vault? Eddai rilassati…nessuno ti intercetta non hai documenti scottanti! 😉

  2. Se è possibile, all’interno della cartella desiderata potresti creare un alias del volume montato. È soltanto un’idea, non sono sicuro né che funzioni né che ti serva a qualcosa 🙂

  3. @theego: ci sono molti motivi intelligenti per tenere acceso filevault nel mio caso…

    @massi: l’alias credo funziononerebbe, ma neppure voglio vedere quella marea di icone sul desktop e tra i volumi montati…

    iSleepy: con il nuovo iTunes 7.0.1, aggiornamento di iTunes 7, ora last.fm non fa più crash. Però quel plugin mi sembra una bella idea, così devo tenere aperto solo iTunes, giusto?

I commenti sono chiusi.