Crea sito

Atensionisti, denunciamoli

Giusto ieri sera a cena, un mio amico ha detto che qualcuno avrebbe ben dovuto denunciare tutti questi che continuano a sostenere la legittimità dell’astensione e a fare propaganda in questo senso nelle televisioni, sui giornali, alle radio.
Inutile dire quanto io sia stato sorpreso nello scoprire che era stato accontentato.
Ho sentito la notizia di fretta per radio, poi di fretta al TG, ed ecco qui due link che riportano la notizia: 1 e 2.
Sono francamente allibito per il fatto di non trovare nesun riferimento sulle pagine de La Repubblica o del Corriere della Sera; forse sono semplicemente incapace di cercare, ma sicuramente la notizia è ben nascosta.

Dal sito della Reuters (il primo link):
“Con i loro interventi – si legge nella denuncia – hanno avuto il palese scopo di indurre i cittadini ad astenersi dal voto”, con ciò violando quanto previsto dal dpr 30 marzo 1957 che punisce i pubblici ufficiali, ministri di culto e “chiunque investito di pubblici poteri si prodiga per indurre l’elettorato ad astenersi” da una consultazione.
Il reato in questione è punibile con la reclusione dai 6 mesi ai 3 anni e con multe dalle 600.000 ai 4 milioni di lire.

Desiderio irrealizzabile quello di vedere Ruini in galera. Ancora più assurdo che sia un cattolico praticante, io, a pensarlo. Ma la speranza è l’ultima a morire.

2 Risposte a “Atensionisti, denunciamoli”

  1. Al di là delle mie idee sul voto, per una serie di motivi io NON VOGLIO votare. E’ un referendum, non una votazione, non può essere obbligatorio!
    Perchè quando ad incitare all’astensionismo era la sinistra o Pannella nessuno li denunciava?
    I criteri di giustizia in Italia sono sempre fatti molto personali…

    Ciao

  2. Io ho sempre criticato anche la sinistra (mi ricordo solo Craxi però che l’ha fatto) per l’incitamento all’astensione… io credo fermamente nella seconda parola della locuzione “democrazia partecipativa”. Altrimenti la democrazia non esiste, tanto vale un’oligarchia, che magari è anche meglio.

I commenti sono chiusi.